Crea sito
Facebook GooglePlus Twitter
Diaspora YouTube LinkeIn

Riforma di internet: Russia e Cina spingono per nuove regole

Ecco qui una collezione di Leggi, Condanne e Regolamenti per Internet che dovete conoscere

Riforma di internet: Russia e Cina spingono per nuove regole

Messaggio da leggereda roby2816 il 01/03/2012, 2:21

Riforma di internet: Russia e Cina spingono per nuove regole

Il prossimo 27 febbraio inizierà a Ginevra un negoziato diplomatico che potrebbe portare a un nuovo trattato che darebbe all’ONU poteri senza precedenti in materia di internet. Molti paesi, ma soprattutto Cina e Russia, stanno facendo pressioni per raggiungere questo obiettivo entro la fine dell’anno.Come ha già detto lo scorso giugno il Primo ministro russo Vladimir Putin, la propria intenzione è quella di stabilire un “controllo internazionale su internet” attraverso l‘ITU (International Telecommunication Union). Se questa proposte fosse accolta, sconvolgerebbero un regime in vigore dal 1988, quando 144 Paesi firmarono in Australia il Trattato per la liberalizzazione delle telecomunicazioni.

Finora la rete è stata gestita secondo un modello di governance multi-stakeholder ed è stato proprio questo approccio la chiave del successo del web.Nel 1995 solo 16 milioni di persone usavano internet nel mondo, nel 2011 erano oltre 2 miliardi e ogni giorno si aggiungono mezzo milione di nuovi utenti.A lanciare l’allarme è il Wall Street Journal che, in un lungo e approfondito articolo, afferma che questa crescita esplosiva è il diretto risultato della decisione dei governi di tenere le mani fuori dalla sfera di internet. L’accesso alla rete, specie dai dispositivi mobili, sta migliorando la condizione umana più velocemente, e più profondamente di qualsiasi altra tecnologia della storia. Internet ha prodotto ricchezza e generato occupazione come conferma un recente Report di McKinsey secondo il quale l’economia digitale produce 2,6 posti di lavoro per ognuno perso a causa del cambiamento che implica l’arrivo delle nuove tecnologie. Tutto questo è stato possibile, ribadisce il Wall Street Journal, perché la rete è stata libera di crescere e svilupparsi senza che i governi esercitassero un potere di controllo.Oggi, però, continua il quotidiano, questo stato di cose potrebbe mutare, proprio perché Cina, Russia e i loro alleati stanno chiedendo a gran voce ai 193 Paesi aderenti all’ITU di rinegoziare il Trattato del 1988 per allargarlo anche ad aree precedentemente non regolamentate.Il quotidiano elenca alcune proposte, che definisce ‘agghiaccianti’, che potrebbero essere approvate in occasione della conferenza di Dubai del prossimo dicembre.

Intanto la privacy e la cyber-sicurezza potrebbero finire sotto il controllo internazionale. Si potrebbe prevedere di chiedere alle compagnie telefoniche straniere di pagare una tassa per il traffico internet internazionale per portare denaro alle casse dello Stato e delle aziende tlc pubbliche.Ma anche di introdurre obblighi di tariffe, termini e condizioni sugli accordi di ‘peering’. Oppure di imporre il diretto controllo dell’ITU su importanti funzioni, fino a oggi affidate a enti non-profit come l’ICANN (Internet Corporation for Assigned Names and Numbers) che si occupa di assegnare gli indirizzi IP e gestire i nomi di dominio. Porre sotto il controllo intergovernativo molte delle funzioni della Internet Engineering Task, dell’Internet Society e di altri gruppi multi-stakeholder che si occupano di fissare gli standard tecnici e di progettazione che consentono a internet di lavorare.Senza dimenticare, scrive sempre il Wall Street Journal, che a Dubai si potrebbero anche fissare le tariffe del roaming mobile.Molti Paesi in via di sviluppo, tra cui India e Brasile, sono particolarmente interessati a queste proposte. E, sebbene le nuove tecnologie stiano migliorando le vite di milioni di persone nel mondo, ci sono alcuni governi che si sentono esclusi e vorrebbero un maggior potere di controllo.Il quotidiano americano aggiunge anche che ci sono tanti regimi che si sentono minacciati dagli oppositori che possono contare su una rete libera e aperta per rivendicare la libertà politica.Ma respingere sic et simpliciter le proposte di modifica dell’attuale struttura di governance della rete potrebbe non portare a nulla.

Una strategia più efficace per i sostenitori della libertà di internet potrebbe essere quella di favorire il dialogo tra tutte le parti interessate, compresi i governi e l’ITU, per raggiungere un ampio consenso sulle questioni che danno maggiore preoccupazione.Una rete balcanizzata, per esempio, sarebbe devastante per il libero commercio mondiale e la sovranità nazionale. Significherebbe mettere a rischio la crescita di internet, specie nei Paesi in via di sviluppo, ma più generalmente in tutto il mondo perché gli operatori sarebbero costretti a chiedere autorizzazioni amministrative per innovare e investire.Questo minerebbe la crescita delle nuove tecnologie transfrontaliere come il cloud computing. Qualsiasi tentativo di allargare i poteri dei governi su internet significherebbe fare un passo indietro rispetto a oggi.

FONTE: http://economialibera.blogspot.com/sear ... results=10
"Ogni volta che mi sedevo e aprivo il computer capivo che c'era qualcuno che VERAMENTE credeva in me e io li ringrazio!!" (cit. Marco Meleandri)
VISITATE ---> http://marcomelandriforever.forumcommunity.net/
Avatar utente
roby2816
Moderatore Globale
 
Messaggi: 596
Iscritto il: 26/02/2012, 22:26
Località: Mirano (Ve)
Sesso: F

  • Condividi e Vota l'articolo
  • Condividi e questo articolo di LaScaricata

    Share on Tumblr

Torna a Leggi, Condanne e Regolamenti per Internet

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Google [Bot] e 1 ospite

cron
 
Creative Commons License

Dichiarazione di non responsabilita': Nessuno dei files indicati su questo sito e' ospitato o trasmesso da questo server. I links sono forniti dagli utenti del sito, basandosi su servizi esterni. Il progetto LaScaricata non puo' essere ritenuto in alcun modo responsabile per qualsiasi pubblicazione o altra azione commessa dagli utenti. Non e' consentito usare questo sito per la distribuzione o il download di materiale se non si e' espressamente autorizzati a farlo. Siete tenuti a rispettare termini e regolamento del sito.