Crea sito
Facebook GooglePlus Twitter
Diaspora YouTube LinkeIn

BDS(Berkeley Software Distribution) il sistema operativ UNIX

Qui trovi la Storia delle diverse Storia delle Distro GNU/LINUX che nel corso degli anni sono state sviluppate

BDS(Berkeley Software Distribution) il sistema operativ UNIX

Messaggio da leggereda niculinux il 09/02/2013, 22:16

Immagine

INTRODUZIONE:
L'acronimo BSD (Berkeley Software Distribution) indica la variante originaria di Unix sviluppata presso l'Università di Berkeley in California e alla base di una delle due famiglie principali di sistemi operativi liberi attualmente più diffusi, tra cui gli esponenti più noti sono FreeBSD, OpenBSD, NetBSD, PC-BSD, DesktopBSD, FreeSBIE, DarwinOS (il cuore unix di Mac OS X) e DragonFly BSD (con le sue distribuzioni FireflyBSD e GoBSD).

STORIA:
La prima versione del sistema operativo BSD (1BSD) venne rilasciata dall'Università di Berkeley nel 1977. Si trattava di una serie di patch di uno studente del campus, Bill Joy, alla sesta edizione dello Unix dell'AT&T, che girava su PDP-11. Il sistema fu distribuito, come si usava a quei tempi, su di un nastro sotto forma di codice sorgente ed includeva, tra le altre cose, anche un editor scritto dallo stesso Joy (ex) ed un compilatore Pascal.

L'anno successivo, il 1978, vide l'uscita della seconda versione del sistema BSD (2BSD), sempre sotto la supervisione di Joy, che correggeva alcuni bug della prima edizione ed introduceva la C shell e una versione visuale di ex, vi. Questa versione fu la prima ad essere portata sul VAX, sebbene non riuscisse a sfruttare ampiamente le capacità di memoria virtuale della macchina.

Per ottenere migliori risultati sul VAX gli studenti dell'Università riscrissero gran parte del kernel di Unix/32V ed introdussero un'implementazione della memoria virtuale. Il nuovo sistema, il 3BSD, corredato dalle utility di 2BSD e dal port per il VAX venne rilasciato nel 1979.

Il successo di 3BSD indusse la DARPA a fondare il CSRG, che avrebbe avuto il compito di supervisionare lo sviluppo di una piattaforma Unix standard destinata alla ricerca. Il CSRG rilasciò, nel 1980, 4BSD che includeva interessanti miglioramenti a 3BSD.

Seguì la versione 4.1BSD (1981), che grazie ai miglioramenti apportati da Joy al kernel, riuscì ad eguagliare nei benchmark le prestazioni del sistema operativo nativo del VAX, OpenVMS.

Ci vollero altri due anni affinché venisse rilasciata la versione successiva definitiva, 4.2BSD; nel frattempo vennero sviluppate tre release intermedie: la 4.1a, che conteneva una primitiva implementazione del protocollo TCP/IP, la 4.1b, che introduceva il nuovo file system del sistema operativo, FFS, implementato da Marshall Kirk McKusick, e la 4.1c che comprendeva vari bugfix.

4.2BSD venne rilasciata nell'agosto del 1983, quando Bill Joy aveva ormai lasciato la leadership del progetto a McKusick e Mike Karels per fondare la Sun Microsystems. Fu per questa versione che apparve la mascotte di BSD, un demone disegnato dallo stesso McKusick, sulla copertina dei manuali distribuiti da USENIX.

Nel 1986 uscì 4.3BSD, che includeva miglioramenti in termini di performance rispetto all'edizione precedente e, cosa ben più importante, introdusse la prima implementazione del protocollo TCP/IP scelta come standard dalla DARPA per la superiorità dimostrata nel confronto dei concorrenti.

Siccome fino a quel punto tutte le versioni erano basate sempre sull'implementazione di Unix dell'AT&T, si decise, nel 1989, di rilasciare sotto i termini della licenza BSD, soltanto la parte relativa al networking, che prendeva nome Net/1 (Networking release 1). Sotto la guida di Keith Bostik si fece in modo di riscrivere totalmente tutte le utility del sistema operativo per rilasciarle sotto licenza BSD. In diciotto mesi il lavoro fu realizzato ed un nuovo sistema completo, totalmente soggetto alla licenza BSD, nacque sotto il nome Net/2 (Networking release 2) nel 1991.

Da Net/2 presero il via altri due progetti: 386BSD di William Jolitz - dalla vita breve ma dal quale nacquero NetBSD prima e FreeBSD poi - e una versione commerciale del sistema operativo, BSDi.

In questi anni si concretizzò per i progetti BSD una disputa legale con AT&T, che rivendicava la paternità del marchio Unix e il copyright su alcune porzioni del codice sorgente del sistema operativo. Ciò rallentò notevolmente lo sviluppo dei sistemi e favorì lo sviluppo di Linux, che non accusava problemi di questo genere.

Nel gennaio del 1994 la causa legale cessò ampiamente in favore di Berkeley. Su oltre 18000 file soltanto 3 dovevano essere rimossi dal sistema e 70 modificati in termini di licenza. Così, nel giugno dello stesso anno, venne rilasciata la definitiva versione di 4.4BSD, epurata dal codice e dal marchio AT&T: 4.4BSD-lite.

La versione finale del sistema operativo fu la 4.4BSD-lite Release 2 (1995). I progetti discendenti sono attualmente in fase di sviluppo e vengono distribuiti in diverse distribuzioni, ognuna delle quali persegue uno scopo.

Grazie alla permissiva licenza BSD, Windows, il sistema operativo della Microsoft, include, soprattutto per quanto riguarda la parte di networking (protocolli e utility relative), codice dei progetti BSD vivi.

NOTA:
questo post è stato redatto originariamente da florin88 ed è tratto dalla vecchia versione de LaScaricata.
Per favore, mettete [RISOLTO] ai topic ove avete, appunto risolto!
Avatar utente
niculinux
Brigata Linux
 
Messaggi: 501
Iscritto il: 27/02/2012, 18:56

  • Condividi e Vota l'articolo
  • Condividi e questo articolo di LaScaricata

    Share on Tumblr

Torna a Storia delle Distro GNU/LINUX

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite

cron
 
Creative Commons License

Dichiarazione di non responsabilita': Nessuno dei files indicati su questo sito e' ospitato o trasmesso da questo server. I links sono forniti dagli utenti del sito, basandosi su servizi esterni. Il progetto LaScaricata non puo' essere ritenuto in alcun modo responsabile per qualsiasi pubblicazione o altra azione commessa dagli utenti. Non e' consentito usare questo sito per la distribuzione o il download di materiale se non si e' espressamente autorizzati a farlo. Siete tenuti a rispettare termini e regolamento del sito.